Podcast

Non sono un’esperta di Podcast ma ho fatto qualche esperimento con la collega di Italiano durante l’ultimo anno di scuola per valutare le potenzialità formative di questo nuovo strumento.

Questo articolo è una sintesi delle cose che ho imparato con qualche consiglio per chi vuole cominciare.

Partiamo con un  link al sito di Alberto Pian che, come molti di voi sapranno, è il “guru” del podcast cioè penso il primo che lo ha portato in Italia come strumento didattico.

Vi consiglio di scaricare alcuni dei suoi podcast per capire le potenzialità di questo strumento a scopo didattico e formativo.

Alberto ha scritto un primo libro sul podcast,  “Podcast a scuola”, in cui spiega come realizzare delle attività didattiche con l’uso di questo strumento e successivamente una pubblicazione edita da Laterza, che amplia a completa la precedente.

http://www.laterza.it/schedalibro.asp?isbn=9788842089360

Questi libri sono stati i miei abbecedari quindi li consiglio a tutti per cominciare a lavorare sul podcast.

Un altro link che può essere utile è quello alla voce di wikipedia sul podcasting:

https://it.wikipedia.org/wiki/Podcasting

Da queste fonti si possono ricavare molti altri link.

Ma che cosa è un podcast? E’ un sistema di diffusione di contenuti audio fruibile attraverso internet e scaricabile sui lettori mp3 e sul cellulare.

Ci si può abbonare ad un podcast specifico e ricevere automaticamente la nuova puntata ogni volta che ci colleghiamo ad internet, ad esempio, con iTunes (per scaricare il software da internet  http://www.apple.com/it/itunes/download/) un programma che funziona sia da aggregatore di file rss sia da convertitore di file audio… ma qui entriamo più nello specifico. Ad ogni podcast è associato un file scritto in linguaggio xml che contiene tutti i dati necessari perchè un ‘browser’ apposito (un aggregatore, appunto) lo ritrovi su internet. Occhio al simbolo feed-rssche compare sui siti: cliccandoci sopra si accede alla pagina dove si trovano tutti i feed e ci si può abbonare al podcast.

Il podcast nella didattica

Dal punto di vista didattico, a mio parere, l’aspetto principale a favore dell’uso del podcasting, è però quello della valorizzazione dell’oralità, della capacità di esprimersi e di comunicare in modo efficace. A questo si accompagna naturalmente la scrittura come strumento per preparare il copione della trasmissione da registrare. Bastano poche prove per rendersi conto che se non si parte da un testo scritto la trasmissione non funziona! Produrre una trasmissione anche di pochi minuti richiede quindi una preparazione più o meno accurata, dipende dal contenuto che si vuole presentare e dal tipo di format che si utilizza (intervista, recita di poesie, radiodramma, esposizione di una ricerca ecc.). Ma non basta… secondo me fare podcast a scuola modifica anche le relazioni tra insegnanti e alunni perché li coinvolge in un progetto che ha una validità molto al di là del contesto scolastico, funziona da tramite tra la scuola e la realtà esterna che la scuola tende ad ignorare, anche per l’uso di strumenti che i nostri alunni padroneggiano molto meglio di noi (cellulare, lettore mp3, internet).

Il podcast può essere ‘aumentato’ aggiungendo file pdf, immagini e video. Per questo occorrono software più sofisticati che permettano di integrare diversi formati. Sul Mac tutto (registrazione audio, inserimento di video e immagini, colonna sonora) è gestito tramite un solo software Garageband che contiene una traccia apposita per ogni tipo di contenuto. Da Garageband il prodotto viene inviato alle applicazioni che costruiscono automaticamente la pagina html da caricare su internet.

La mia breve esperienza si è basata su tre tipi di format: l’intervista, la lettura di poesie, il resoconto di ricerche di storia e di geografia. Mentre le interviste sono state realizzate con un lettore mp3 per registrare sul posto, negli altri casi abbiamo usato un software direttamente su pc, Audacity.

Per scaricare il software http://audacity.sourceforge.net/download/

Per scaricare le librerie lame per salvare in mp3 http://lame.buanzo.com.ar/

Gli allievi di quinta elementare hanno imparato molto in fretta come funzionava il software per registrare e anche come fare un montaggio del file audio eliminando i silenzi quando erano troppo lunghi e modificando con dei filtri i file che avevano troppi rumori di fondo ecc. In seguito hanno anche imparato ad aggiungere una colonna sonora e a crearne una personalizzata utilizzando un apposito software (Music Maker). Dimenticavo: abbiamo anche creato una sigla per la nostra ‘radio’, sfruttando le competenze dell’insegnante di musica e usando solo voci e percussioni.

La creazione della pagina su internet richiede l’accesso ad un dominio e l’uso di un software specifico: sul testo di Pian ne sono indicati diversi e altri ne saranno usciti nel frattempo. Nella mia esperienza avevo l’accesso al sito della scuola e poi ho preferito usare il software iWeb su piattaforma Mac perché tutto risultava più semplice: questa fase quindi è stata a mio carico, gli allievi vedevano poi il prodotto finale sul sito.

In uno dei corsi sul podcast alla Casa degli Insegnanti abbiamo anche imparato a installare e utilizzare la piattaforma Podcast Generator http://podcastgen.sourceforge.net/download.php con cui abbiamo realizzato la pagina dei podcast della Casa. Podcast Generator supporta tutti questi formati: mp3, m4a, mp4, m4v, mov, pdf, ogg, avi, flv, jpg, mpg, wma, wmv, aif, 3gp, amr … e ancora altri.
Ha un player di mp3 incorporato, quindi, caricando un file in quel formato, sulla pagina web collegata al podcast compare automaticamente una barra di controllo. Negli altri casi si usano i visualizzatori del browser.
Siccome il podcast è fatto per essere visualizzato su supporti mobili ciò che conta in ultima analisi sono le caratteristiche di questo dispositivo.

Il prof. Stefano Michieli della scuola media di Pecetto ha messo in pratica gli insegnamenti del corso realizzando una serie di podcast con i suoi alunni di terza media visibili, anzi ascoltabili, qui  http://www.scuolecambianopecetto.it/podcast/podcastgen1.3/?p=home


Risorse

Sulla pagina dei podcast della casa troverete altri materiali: se vi abbonate tramite iTunes riceverete automaticamente i nuovi podcast.

Ecco ora una serie di link a podcast che può essere utile per esplorare questo nuovo mondo per chi vi si affaccia per la prima volta:

http://www.ragazzidelfiume.it/?page_id=25 I ragazzi del fiume podcast delle scuole del Friuli

http://www.historycast.org/ storia

http://www.splendid-speaking.com/community/listen.html inglese

siti della Rai con i podcast delle trasmissioni radio
http://www.radio.rai.it/radio1/podcast/podcast.cfm

http://www.radio.rai.it/radio2/podcast/podcast.cfm

http://www.radio.rai.it/radio3/podcast/podcast.cfm

Lanciando iTunes e scegliendo la sezione Podcast, è sufficiente poi collegarsi con iTunes Store per trovare utili sussidi audio per la didattica: dalle lezioni di storia a quelle di lingua straniera, dalle favole per i bambini alle tesine per la maturità degli studenti.

Più specifico per la scuola iTunes U, supporto utilizzato dalle università di tutto il mondo.

Donatella Merlo

Share

Un pensiero su “Podcast”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *