Archivi categoria: Attività

Minori stranieri non accompagnati: quale ruolo per la scuola?

 

Tavola rotonda    

giovedì 28 marzo ore 16- 18 

Aula Magna CESEDI Via G. Ferrari, 1 – Torino

Minori stranieri non accompagnati:
le leggi e le esperienze sul campo.        

La situazione odierna: problematiche e prospettive. Il ruolo della scuola.

Daniela Finco Responsabile Assistenza Sociale  Ufficio Minori Stranieri Comune di Torino 

Paola Giordano educatrice  Ufficio Minori Stranieri  

Ornella FIORE avvocato ASGI:,

Manuela Girola psicologa strutture Minori Stranieri Non Accompagnati

Maria Baldanza tutore (docente SS inferiore)

Marisa Carossio docente CPIA di Settimo

Coordina la tavola rotonda Beatrice Perotti tutore (docente IS Grassi)

Dedichiamo uno degli eventi di quest’anno ad una tavola rotonda sulla problematica: Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA). In un momento in cui si creano mille ostacoli all’accoglienza, desideriamo capire che cosa ci sia sul territorio a tutela di questi minori e quali meccanismi si mettano in atto in presenza di questi soggetti.

Per minori stranieri non accompagnati si intende un minorenne privo di cittadinanza europea che sia presente per qualsiasi motivo sul territorio nazionale e non sia accompagnato da genitori o familiari che ne abbiano la responsabilità legale.

Molte norme internazionali tutelano questi soggetti. Per citarne solo alcune:

  • Convenzione Onu sui diritti del fanciullo New York 1989
  • Convenzione europea sull’esercizio dei diritti del fanciullo 1996
  • Direttiva 2003/CE del Consiglio dell’Unione Europea del 2003
  • Articoli 2, 3, 29, 30, 31, 37 della Costituzione Italiana
  • Articolo 33 del testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione
  • Articoli 343 e seguenti del codice Civile che riguardano l’apertura della tutela
  • Art. 403 del Codice Civile che dispone interventi urgenti di protezione per i minori
  • Infine la Legge 47/2017 in materia di misure di protezione dei minori non accompagnati che prevede: l’accoglienza, accertamento dell’età e l’identificazione, la nomina dei tutori tutti volontari a cura del tribunale per i minorenni, il permesso di soggiorno.

Ogni minore non accompagnato che si trovi sul nostro territorio deve essere segnalato alle autorità competenti e devono essere garantiti l’assistenza sanitaria e il diritto all’istruzione.

Per confrontarci e capire le tante tematiche legate a questo argomento, abbiamo invitato a partecipare alla tavola rotonda esperti delle nuove disposizioni, responsabili e operatori del settore, tutori di minori e un docente di CPIA.

Ci auguriamo che questo possa essere un momento di confronto e condivisione che ci aiuti a fare chiarezza su un argomento utile a tutti, in particolare a chi opera nel settore della scuola. 

Per l’evento ha dato il Patrocinio la Città Metropolitana di Torino

Per iscriversi inviare una mail a cesedi@cittametropolitana.torino.it

Scarica il volantino

La Casa al Seminario Invalsi a Bari

Nei giorni 26, 27 e 28 ottobre 2018 si è tenuto a Bari il terzo Seminario “I dati INVALSI: uno strumento per la ricerca”.

Lo scopo di questo appuntamento, arrivato alla terza edizione, è quello di promuovere l’utilizzo dei dati INVALSI nella ricerca scientifica. I dati raccolti annualmente dall’Istituto costituiscono un prezioso strumento per indagare le caratteristiche del sistema scolastico e per definire gli eventuali interventi di sostegno o potenziamento. 

Hanno partecipato alcuni insegnanti e tutor dei Laboratori di riflessione didattica per l’insegnamento dell’italiano e della matematica de La Casa degli Insegnanti. Gli stessi  hanno anche presentato le esperienze fatte nei due laboratori.

https://invalsi-serviziostatistico.cineca.it/      

Selezionare Eventi

Nella pagina degli Eventi selezionare  Presentazioni e video

La presentazione di  Moiso, Strocchio e Vannini

La presentazione di Testa, Sargenti, Comerci

Un appuntamento musicale

La Casa degli Insegnanti 

vi invita al concerto presso

Biblioteca dell’Educatorio della Provvidenza

Corso Trento 13 – Torino

lunedì 28 maggio, h 21

Ghismonda e Tancredi

pastedGraphic.png

Dramma lirico in un atto e tre quadri 

Libretto di Gabriele CRESTA

(liberamente tratto dalla novella del Decameron di Giovanni BOCCACCIO)

Musica di Marco EMANUELE

Personaggi e interpreti:

Tancredi, principe di Salerno – Giuseppe GERARDI, basso

Ghismonda, sua figlia – Marina DEGRASSI, soprano

Guiscardo, valletto – Carlo Amedeo FOLCO, tenore

Pianoforte: David IRIMESCU

Fisarmonica: Stefano ARATO

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti

Collabora al progetto la classe III A serale dell’IIS “Bodoni-Paravia” di Torino

La novella di Tancredi, principe di Salerno, e di sua figlia Ghismonda è la prima della IV giornata, quella degli amori infelici. È una novella in cui non viene detto tutto. Ambientata in un mondo antico, imprecisato, senza tempo, parla di un rapporto morboso tra padre e figlia: un padre sensibile, che diventa crudele e geloso, e una figlia intelligente e decisa, che in un celebre discorso difende l’autonomia del proprio desiderio. 

La protagonista è una delle prime donne della letteratura italiana a prendere voce, in questo caso per difendere la nobiltà d’animo del proprio amante, l’innocenza dell’amore fisico e la propria facoltà di scegliere. La storia finisce in modo tragico e, per spiegare la gelosia e l’accanimento del padre nei confronti dell’amante della figlia, si presta a una lettura psicanalitica.  

Cosa succede se una novella così diventa un libretto d’opera? Un libretto in versi, con le rime e le forme tipiche del melodramma ottocentesco. E cosa succede se, invece dell’orchestra, ci sono un pianoforte e una fisarmonica chiamati a sostituirla e a creare effetti sonori particolari? Nei tre quadri della vicenda si ascoltano infatti arie, duetti e terzetti, come in un’opera del passato: il linguaggio musicale ha le radici in Rossini, Donizetti e Verdi, ma anche nella musica araba-ebraica andalusa e nel canto popolare.

(L’immagine è tratta da: http://terreceltiche.altervista.org/ghismunda/)

La stanza delle scienze

La Casa degli Insegnanti ed il CESEDI, in collaborazione con Ottobre Scienza, hanno proposto una rivisitazione del materiale didattico raccolto durante i dieci anni di esperienza di Ottobre Scienza all’interno di tre laboratori itineranti di: Meccanica, Ottica e Il Bosco.

Le tematiche principali affrontate nei laboratori sono le seguenti:

  • Meccanica: la cinematica del corpo puntiforme, la dinamica e la statica del corpo rigido e del corpo puntiforme e cenni alla dinamica dei fluidi.
  • Ottica: ottica geometrica e fisica, colorimetria, anatomia dell’occhio e percezione dei colori.
  • Il Bosco: analisi chimica e fisica dei terreni, dendrologia, spettroscopia.

I laboratori presentano un percorso di esperimenti interdisciplinare di fisica, chimica e scienze, costituito da una collezione di esperimenti corredati da schede di lavoro, prove di valutazione delle competenze e questionari di monitoraggio.

Gli istituti che ne hanno fatto richiesta hanno ospitato i laboratori all’interno delle loro strutture per una durata di circa un mese utilizzandoli sia per mettere in campo una didattica di tipo laboratoriale, sia per attività di orientamento o di alternanza scuola-lavoro.
Un gruppo di studenti di ciascuna scuola è stato opportunamente formato nel ruolo di animatori scientifici e a loro, insieme ai referenti del progetto, è stata affidata la gestione del laboratorio in totale autonomia durante il periodo di permanenza nella loro scuola. Gli studenti formati si sono inoltre presi carico dell’esposizione del laboratorio, mediante metodologia peer to peer, ai compagni della scuola ed talvolta anche delle scuole limitrofe.

Dato il successo del progetto, 11 scuole partecipanti per un totale di 160 animatori formati e circa 7500 studenti visitatori, i laboratori itineranti saranno riproposti e potenziati per il prossimo anno scolastico.

Vi diamo appuntamento al Salone del Libro 2018 con le scuole che parteciperanno a questo evento e vi invitiamo nel frattempo a cliccare mi piace sulla pagina facebook di Ottobre Scienza per esplorare l’attività del 2017.